Stampa
Categoria principale: Progetto Rugiada
Categoria: Report
Visite: 906

Abbiamo cercato, tramite il report del "Progetto Rugiada" dell'esperienza conclusasi nell'anno 2013, di raccontare questa esperienza di solidarietà e cooperazione che stiamo portando avanti dall'estate 2007.

 

Il progetto Rugiada rappresenta infatti per noi un modo molto efficace per sostenere ed aiutare i bambini che vivono nelle aree più contaminate dall'incidente di Cernobyl e attraverso loro, in modo più ampio, le famiglie e le popolazioni vittime del disastro nucleare. Come è ben rappresentato nel report il lavoro comune e la sinergia che abbiamo messo in atto con i nostri partner bielorussi è un elemento fondamentale del progetto che permette anno dopo anno di raggiungere una serie di obiettivi molto importanti .

Per noi e per tutta Legambiente è fondamentale continuare nell’impegno nelle zone contaminate dall’incidente di Cernobyl con l’accoglienza al centro Speranza e con altri progetti che ci aiutino a proseguire nel nostro lavoro per ribadire il “no al nucleare” proprio adesso che in Bielorussia si sta costruendo la prima centrale atomica.

Grazie ad un progetto finanziato dalla Chiesa Valdese potremo realizzare 3 serre in Bielorussia, e proseguire nel nostro percorso che cerca di garantire una parte almeno di cibo più pulito ad alcune comunità che vivono nelle aree a rischio radioattivo.

Nello stesso tempo è per noi strategico e fondamentale cercare di continuare a garantire l’accoglienza di almeno un centinaio di bambini. Per questo, oggi è importantissimo , l’apporto di tutti: per non perdere questa opportunità e per migliorare e intensificare la nostra attività in un’area purtroppo sempre più dimenticata. Purtroppo la grave crisi economica che sta attraversando il Paese non ci aiuta certamente, ma dobbiamo cercare di trovare aldilà di questo momento difficile le risorse per poter dare continuità al nostro progetto e da questo punto di vista il vostro apporto è, come sapete, essenziale.

Dai il tuo contributo al Progetto Rugiada per la prossima accoglienza dell'estate 2014.

Scarica il report in formato .pdf