Prima scrittura del progetto risalente alla primavera 2000

Introduzione
L'obiettivo del progetto consiste nell'allestimento di un ambulatorio mobile dotato della strumentazione necessaria per effettuare analisi per la diagnosi di tumori alla tiroide, che sono patologie endemiche nelle aree rurali delle regione di Brest e di Gomel (Bielorussia).

I riflessi dell'incidente nucleare in Bielorussia
E' noto che a seguito dell'incidente nucleare del 26 aprile 1986 ampie zone della Bielorussia risultano contaminate: la direzione prevalente dei venti al momento della fuoriuscita di prodotti tossici ha fatto sì che a dispetto della collocazione delle centrale nello stato Ucraino, gli effetti più rilevanti si siano registrati più a nord, ovvero in Bielorussia ed in particolare nella regione di Gomel e Brest per quanto riguarda lo Iodio131. Immediatamente al di fuori della zona evacuata (circa una trentina di chilometri da Chernobyl) il fondo radioattivo è superiore ai quindici Curie per kmq, e le zone comunque superiori al Curie al kmq (pari a 37 Kbeq/mq) si estendono praticamente per tutta la regione, almeno fino a Vietka, che si trova a nord di Gomel. Per dare una misura di quanto significhi un Curie al kmq, è amministrativamente la radiazione al di sopra della quale non è consentito l'uso alimentare del latte munto nella zona.

Effetti della radiazione
La radiazione esplica i suoi effetti sulla salute dell'uomo in maniera molto complessa e solo in prima approssimazione lineare con la dose. E' comunque pacificamente accettato che la radiazione generi tumori, malformazioni genetiche, sia responsabile di forme di tubercolosi e deprima le difese immunitarie.
In particolare le forme tumorali possono essere in prima approssimazione collegate alla natura del radionuclide assorbito dato che ogni radionuclide viene assorbito differentemente dall'organismo umano. Ad esempio il Cesio che tende ad accumularsi nelle ossa (sostituendosi al Calcio a cui è chimicamente affine) provoca l'insorgenza di fenomeni tumorali ivi localizzati. Dato che i dettagli della catastrofe nucleare (quantità e natura delle sostanze liberate) sono conosciuti e dato che le proprietà nucleari di ogni elemento (in particolare tempo di dimezzamento, volatilità, peso atomico) sono note, è possibile una previsione delle patologie più diffuse.
elementi

Radionuclidi liberati dopo l'incidente: quantità, attività e tempo di dimezzamento (da "Il fondo di Cernobyl" - A.M. Ljuzko ed. Minsk "Belorusskaia Sovetskaia Enziklopedja" 1990)

Siccome la contaminazione prevalente in Bielorussia è dovuta ad elementi di peso atomico paragonabile e quello dell'aria (altrimenti se fossero troppo più pesanti, come il Plutonio, non si sarebbero allontanati troppo dal luogo della fuoriuscita e se fossero stati molto più leggeri, come l'idrogeno, si sarebbero diffusi uniformemente su tutto l'emisfero), e più specificamente Cesio, Stronzio e Iodio131, le forme tumorali più diffuse sono quelle generate da questi elementi, che tendono ad accumularsi nelle ossa (Cesio), muscoli (Stronzio) e tiroide (Iodio) provocando l'insorgenza di gozzo e tumori alla tiroide. Ha assunto in particolare una dimensione allarmante il problema dei tumori alla tiroide la cui insorgenza si osserva anche nei bambini, cosa clinicamente rarissima o del tutto ignota prima dell'incidente.

La situazione sanitaria
La sanità bielorussa versa in una situazione di particolare gravità: oltre alla moltiplicazione dei casi sanitari la Bielorussia nell'ultimo decennio è stata colpita da una profonda crisi economica e sociale. La riduzione delle risorse destinate ai settori socio sanitari unita all'aumento dei casi clinici derivati direttamente ed indirettamente dall'incidente nucleare, ha mandato in collasso il sistema sanitario bielorusso. In questa situazione il settore che ha subito il più drastico peggioramento è quello della prevenzione. Le risorse sanitarie residue sono destinate a fronteggiare i gravi casi conclamati e la persistenza dell'emergenza impedisce ogni programmazione o strategia di prevenzione. Il costo dell'assenza della prevenzione e della diagnosi precoce è enorme. Le patologie sono riconosciute solo al momento in cui la loro gravità è talmente evidente che non rimane spazio se non per l'intervento. Casi che si sarebbero potuti risolvere senza operazioni aggressive, se affrontati tardivamente non lasciano nessuno spazio di manovra.
Anche dal punto di vista più strettamente economico, il costo dell'assenza della diagnosi precoce è molto alto, perché il costo di operazioni ed ospedalizzazioni è nettamente superiore a quello degli interventi alternativi.
Come conseguenza della scarsità di risorse, il numero di apparecchiature diagnostico è altamente insufficiente. Per un'accurata opera di prevenzione, dato il livello di rischio, sarebbe opportuno che ogni residente effettuasse un esame alla tiroide ogni sei mesi. Gli strumenti per questo tipo di esame (gli ecografi con sonda opportuna) non sono però in numero sufficiente. Ad esempio l'ospedale di Reciza (che sovrintende un bacino di utenza assai maggiore dei pur numerosi 60.000 abitanti della città) dispone di solo quattro macchine di questo tipo.

Descrizione delle zone interessate dall'intervento
Le aree contaminate si trovano in un settore della Bielorussia piuttosto problematico dal punto di vista logistico. Si tratta infatti di aree prevalentemente rurali a bassa o bassissima densità di popolazione, dove i servizi ed i trasporti sono estremamente carenti. Mentre le grandi città delle Bielorussia possono offrire servizi paragonabili a quelli disponibili nei paesi occidentali, le campagne si trovano in una situazione di arretratezza difficile da credere. In alcun villaggi l'elettrificazione non è mai stata conclusa, il lavoro nei campi avviene senza meccanizzazione, mancano le strade asfaltate e nella stagione del disgelo le comunicazioni diventano estremamente difficili. Un'opera di diagnosi e prevenzione che preveda l'accesso della popolazione rurale ai servizi delle città, spesso ad alcune ore di camionabile di distanza, non appare una soluzione praticabile. Del resto il mantenimento di presidi medici in zone a così bassa densità di popolazione crea problemi economici non secondari, data la scarsità di risorse della sanità bielorussa.
La popolazione delle aree contaminate che si trova nella situazione di difficoltà di accesso alle prestazioni sanitarie di base è di circa trecentomila persone con un'enorme incidenza di minori.

L'intervento
E' a partire da questa analisi che il Progetto Chernobyl, comitato di Carpi, Novi e Soliera, con la collaborazione del coordinamento dei comitati Chernobyl delle province di Modena e Reggio Emilia intende realizzare un ambulatorio mobile attrezzato per lo svolgimento dell'ecografia tiroidea per uno screening ad ampio raggio nelle zone contaminate. Questo intervento si pone nell'ottica di rafforzare le strutture di prevenzione e di diagnosi tramite fornitura di apparecchi specializzati e tramite elaborazione di soluzioni che permettano l'accesso alle prestazioni sanitarie anche alla popolazione delle campagne.
E' stata posta particolare cura ad avvalersi di soluzioni standard anche per la Bielorussia, per facilitare la manutenzione, il reperimento di pezzi di ricambio e gli eventuali upgrade.
Le stesse attenzioni sono state dedicate alla parte strumentale, tanto all'ecografo quanto alle attrezzature volte alla raccolta ed alla trasmissione dei dati.
E' stato previsto l'uso di mezzi informatici per la raccolta dei dati in vista della possibilità di trasmetterli più facilmente anche verso l'Italia per permetterne un trattamento più semplice e rapido.
E' inoltre evidente che un intervento come quello dell'ambulatorio mobile deve inserirsi in un quadro più ampio coordinato dalla Sanità pubblica bielorussa, che permetta l'utilizzo delle informazioni e diriga i pazienti verso le strutture più adeguate.
Data la rigidità e la tendenza a rifuggire le responsabilità tipica della situazione burocratica bielorussa, non è possibile fare affidamento sugli enti locali, in genere teoricamente interlocutori più adatti date sia le dimensioni dell'intervento sia dell'associazione proponente. Diventa quindi necessario fare riferimento alle strutture di vertice, in particolare al Ministero della Sanità. E' con tale ente che è in corso di definizione un protocollo di intesa che regolamenti l'uso dell'ambulatorio mobile, il numero di esami, le zone di utilizzo ed eventualmente la condivisione dei dati con strutture pubbliche italiane: Servizio di Fisica Nucleare dell'Azienda Sanitaria Locale 9 di Grosseto con la quale è già stato sottoscritto un accordo, (allegato1) copia e con l'Azienda Policlinico di Modena (allegato 2) con la quale si stanno stabilendo i termini di una collaborazione concreta, nonché le modalità di verifica degli interventi.
I dettagli di questa negoziazione saranno definiti solo con contatti diretti programmati, i primi avvenuti a giugno 2000 altri successivi sono previsti a marzo/aprile 2001 e che dovrebbero portare alla definizione e firma del protocollo di intesa.

Relazione analitica sul progetto

Situazione attuale e futuri sviluppi del contesto socioeconomico all'interno del quale il progetto si colloca e identificazione dei principali problemi da risolvere
La congiuntura di problemi che hanno colpito la Bielorussia, contaminazione e crisi economica, è tale che al momento la maggior parte degli sforzi dell'autorità del luogo e delle ONG che operano sul territorio è rivolto agli interventi di emergenza, all'assistenza e agli aiuti umanitari. E' opinione comune, però, che tali interventi debbano essere affiancati da una progettualità che incida sulla situazione di fatto e porti elementi di cambiamento utili a modificare lo stato attuale. In quest'ottica, il Comitato Chernobyl di Carpi Novi e Soliera individua nella prevenzione la chiave per alleviare la pressione sulla disastrata sanità bielorussa. Paradossalmente la prevenzione, in un regime di scarsità di risorse, viene sacrificata agli interventi urgenti e di emergenza. Si crea quindi una spirale perversa per cui la situazione è quella dell'emergenza permanente. E' con il puntare alla prevenzione che il presente progetto vuole contribuire ad un cambiamento del contesto attuale.
Programmi analoghi nello stesso settore previsti e/o in corso di realizzazione nel paese ed eventuali interazioni con il progetto proposto
Non sono noti progetti analoghi in corso nell'area di Brest. Non si rischiano quindi sovrapposizioni con lo screening effettuato da altri laboratori mobili. Il coordinamento, nel caso di futura presenza di altri ambulatori mobili, dovrebbe essere garantito dal fatto che il progetto viene approvato dai vertici delle istituzioni sanitarie bielorusse.

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa sulla Privacy per il Sito Web (art. 13 D.lgs. 196/03)

Circolo Festambiente, titolare del sito solidarietalegambiente.it, non vuole in alcun modo contribuire al dilagante fenomeno dello spamming su Internet.
A tal fine La informiamo che i Suoi dati non verranno in nessun caso diffusi in rete o ceduti a terzi, fatti salvi eventuali obblighi di legge e necessità tecniche legate all’erogazione del servizio.
Il titolare del trattamento è il legale rappresentante di Circolo Festambiente. Il trattamento sarà realizzato con l’ausilio di strumenti informatici da parte del Titolare e degli operatori da questo incaricati.
Il trattamento è finalizzato all’erogazione dei servizi richiesti, all'elaborazione di statistiche sull’uso dei servizi stessi e all'invio di informazioni promozionali (ove questo sia stato specificamente autorizzato), sia in formato digitale che cartaceo.

In qualsiasi momento sarà possibile richiedere gratuitamente la verifica, la cancellazione, la modifica dei propri dati, o ricevere l’elenco degli incaricati del trattamento, scrivendo una mail a sito@festambiente.it.

Oltre a uniformarci a tutti gli obblighi previsti dal D.lgs. 196/2003, garantiamo inoltre la massima attenzione alla protezione dei dati da accessi fraudolenti ed alla cancellazione immediata dalle nostre liste a seguito di una Sua richiesta in tal senso.

Informativa estesa sui Cookie

I Cookie sono costituiti da porzioni di codice installate all’interno del browser che assistono il Titolare nell’erogazione del servizio in base alle finalità descritte. Alcune delle finalità di installazione dei Cookie potrebbero, inoltre, necessitare del consenso dell’Utente.

Cookie tecnici e di statistica aggregata

  • Attività strettamente necessarie al funzionamento

Questo sito utilizza Cookie per salvare la sessione dell’utente e per svolgere altre attività strettamente necessarie al funzionamento dello stesso, ad esempio in relazione alla distribuzione del traffico.

  • Attività di salvataggio delle preferenze, ottimizzazione e statistica

Questo sito utilizza Cookie per salvare le preferenze di navigazione ed ottimizzare la tua esperienza di navigazione. Fra questi Cookie rientrano, ad esempio, quelli per impostare la lingua e la valuta o per la gestione di statistiche da parte del titolare del sito.

Altre tipologie di Cookie o strumenti terzi che potrebbero farne utilizzo

Alcuni dei servizi elencati di seguito raccolgono statistiche in forma aggregata e potrebbero non richiedere il consenso dell’Utente o potrebbero essere gestiti direttamente dal titolare – a seconda di quanto descritto – senza l’ausilio di terzi.

  • Interazione con social network e piattaforme esterne

Questi servizi permettono di effettuare interazioni con i social network, o con altre piattaforme esterne, direttamente dalle pagine di questa Applicazione.
Le interazioni e le informazioni acquisite da questa Applicazione sono in ogni caso soggette alle impostazioni privacy dell’Utente relative ad ogni social network.
Nel caso in cui sia installato un servizio di interazione con i social network, è possibile che, anche nel caso gli Utenti non utilizzino il servizio, lo stesso raccolga dati di traffico relativi alle pagine in cui è installato.

Pulsante Mi Piace e widget sociali di Facebook (Facebook, Inc.)

Il pulsante “Mi Piace” e i widget sociali di Facebook sono servizi di interazione con il social network Facebook, forniti da Facebook, Inc.

Dati personali raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.

Luogo del trattamento : USA – Privacy Policy

Pulsante Tweet e widget sociali di Twitter (Twitter, Inc.)

Il pulsante Tweet e i widget sociali di Twitter sono servizi di interazione con il social network Twitter, forniti da Twitter, Inc.

Dati personali raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.

Luogo del trattamento : USA – Privacy Policy

Pulsante +1 e widget sociali di Google+ (Google Inc.)

Il pulsante +1 e i widget sociali di Google+ sono servizi di interazione con il social network Google+, forniti da Google Inc.

Dati personali raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.

Luogo del trattamento : USA – Privacy Policy

  • Statistica

Come posso gestire i Cookie all’interno del mio browser?

In aggiunta a quanto indicato in questo documento, l’Utente può gestire le preferenze relative ai Cookie direttamente all’interno del proprio browser ed impedire – ad esempio – che terze parti possano installarne. Tramite le preferenze del browser è inoltre possibile eliminare i Cookie installati in passato, incluso il Cookie in cui venga eventualmente salvato il consenso all’installazione di Cookie da parte di questo sito. È importante notare che disabilitando tutti i Cookie, il funzionamento di questo sito potrebbe essere compromesso. Puoi trovare informazioni su come gestire i Cookie nel tuo browser ai seguenti indirizzi: Google Chrome,Mozilla FirefoxApple Safari and Microsoft Windows Explorer.

Titolare del Trattamento dei Dati

Dal momento che l’installazione di Cookie e di altri sistemi di tracciamento operata da terze parti tramite i servizi utilizzati all’interno di questa Applicazione non può essere tecnicamente controllata dal Titolare, ogni riferimento specifico a Cookie e sistemi di tracciamento installati da terze parti è da considerarsi indicativo. Per ottenere informazioni complete, consulta la privacy policy degli eventuali servizi terzi elencati in questo documento.

Vista l’oggettiva complessità legata all’identificazione delle tecnologie basate sui Cookie ed alla loro integrazione molto stretta con il funzionamento del web, l’Utente è invitato a contattare il Titolare qualora volesse ricevere qualunque approfondimento relativo all’utilizzo dei Cookie stessi e ad eventuali utilizzi degli stessi – ad esempio ad opera di terzi – effettuati tramite questo sito.