Stampa
Categoria principale: Chernobyl
Categoria: Sarcofago
Visite: 1060

Atomstroyexport, una società russa che costruisce impianti nucleari, ha cominciato i lavori di restauro al vecchio sarcofago di Chernobyl.
Fonte: RIA Novosti - 4 marzo 08

 

Secondo il contratto firmato il 10 febbraio scorso tra Atomstroyexport e la società statale ucraina che sovrintende i lavori alla centrale, l’obiettivo è quello di riparare e rinforzare la malmessa copertura posta a protezione del reattore esploso di Chernobyl.
I lavori di riparazione saranno pagati dall’International Chernobyl Shelter Fund. Il Fondo comprende 28 paesi, tra cui le nazioni del G8, ed è gestito dalla Banca Europea per la Ricostruzione e lo Sviluppo.
Nel settembre 2007 l’Ucraina ha firmato un contratto con la società francese Novarka per costruire un nuovo sarcofago a protezione del reattore danneggiato e un accordo per la costruzione di un impianto “a secco” per lo stoccaggio in loco del combustibile nucleare esausto con la società statunitense Holtec International.
La costruzione del nuovo sarcofago, dal costo di 1,2 miliardi di dollari, dovrebbe iniziare in primavera. La struttura dovrebbe essere assemblata a fianco della vecchia e poi fatta scivolare sopra.
Chernobyl è stata la sede del più grave incidente nucleare del mondo. Il 26 aprile 1986 il reattore n.° 4 della centrale nucleare è esploso, causando una grave fusione del nocciolo.
Vaste aree, principalmente nelle tre ex repubbliche sovietiche di Ucraina, Russia e Bielorussi, vennero contaminate dal fallout seguito all’esplosione. Più di 300.000 persone vennero spostate dopo l’incidente. Tuttavia, 5 milioni di persone vivono tuttora in zone della Bielorussia, della Russia e dell’Ucraina classificate come “contaminate” da elementi radioattivi.
Le stime di organismi internazionali sul numero di decessi causati dall’incidente di Chernobyl varia drammaticamente. Cinquantasei persone risultano morte sulla scena del disastro, e alti 4.000 sono i decessi avvenuti immediatamente dopo a causa di cancro alla tiroide. Milioni di persone si ritiene che siano state esposte a livelli di radiazioni differenti.
Le autorità sovietica avevano inizialmente cercato di coprire la portata dell’incidente e le sue conseguenze.