di Roberto Rebecchi

Ennesimo viaggio in Bielorussia e, ancora una volta, a contatto con il silenzio assordante della contaminazione radioattiva rilasciata e poi ricaduta sui territori della Bielorussia in quell'oramai lontano e dimenticato 26 aprile del 1986, quando il quarto reattore alla Centrale nucleare di Chernobyl vomitò, dallo squarcio aperto dall'esplosione, il suo veleno nel cielo e il vento lo trasportò in ogni angolo del pianeta.
Oggi ho ritrovato ancora una volta Serghei al quale mi lega una profonda e duratura amicizia da quando, quindici anni fa' Direttore della Scuola del piccolo villaggio di Malojn, ci siamo incontrati per la prima volta e da allora, ci rincontriamo almeno una volta l'anno.
Da alcuni anni Serghei ha lasciato il suo incarico di Direttore per assumere la direzione dei Servizi sociali della Provincia di Braghin, un'impresa enorme poiché i problemi sono tanti e le risorse del tutto insufficienti, ma di questo non si lamenta; a che servirebbe? Poi, contestare l'autorità costituita significa, nei migliori dei casi, perdere il lavoro.
Così, giorno dopo giorno, cerca di rispondere alle necessità e ai bisogni delle tante persone dimenticate e lasciate sole ad affrontare una condizione di vita difficile e la contaminazione, che è divenuta in questi luoghi qualcosa da dimenticare, da sfuggire e, se non puoi nei fatti, allora lo fai negandola a te stesso, cancellandola dai tuoi pensieri.
Finché la malattia o la morte ti porta via un tuo caro o la tua stessa vita.
Dai villaggi attorno a Braghin se ne sono andati in tanti: sono rimasti i vecchi e le famiglie più disgraziate, quelle che non hanno potuto permettersi di lasciare questi luoghi contaminati da Cesio, Stronzio e ora, attraverso i processi di abbattimento dei radionuclidi, anche di Americio 241 che, oltretutto, è anche velenoso chimicamente.
Ancora una volta visitiamo, io e le persone che partecipano a questo viaggio nei luoghi contaminati della Bielorussia, un villaggio abbandonato all'interno della zona d'esclusione dei 30 km: "la zona morta".
Percorriamo una lunga strada diritta nel mezzo di un bosco di abeti e betulle, rovi e siepi stanno lentamente inghiottendo la strada, ormai piena di buche, costringendo Andrei, uno dei tanti autisti che accompagnano le tante delegazioni di volontari e famiglie in giro per i villaggi della Bielorussia, a zigzagare continuamente e noi sobbalzare su e giù nei sedili di questo mezzo ormai senza più ammortizzatori.
Se non fosse per i segnali, consueti in questi luoghi, coi simboli della radioattività e di divieto di accesso, ti sembrerebbe di essere immerso in uno stupendo paesaggio naturalistico. Il silenzio dell'esterno è entrato anche all'interno del nostro pulmino, pare tutto così irreale, ognuno di noi cerca un segno, qualcosa, oltre ai segnali di pericolo contaminazione, qualcosa che possa davvero dare concretezza a ciò che vediamo e che allo stesso tempo non riusciamo a cogliere; ti verrebbe da urlare, chiedi a te stesso come sia possibile tutto questo silenzio, ti entra dentro e devi fare uno sforzo incredibile per non farti trascinare in quella disperazione...
Sentiamo una voce, rifuggiamo, siamo salvati da questo precipizio dalla voce di Serghei: "Qui c'era un punto di decontaminazione, dove erano lavati e decontaminati i mezzi che facevano la spola dai villaggi all'interno della zona morta ai punti di raccolta per evacuare gli abitanti...".
Poi il pulmino si ferma e solo una volta scesi riusciamo a scorgere tra gli alberi degli edifici in muratura: è il villaggio di Solnechniy che tradotto significa "soleggiato".
Era un villaggio di un migliaio di abitanti, ci racconta Serghei, ci indica l'Ospedale, la Scuola, le abitazioni, tutto è abbandonato... mentre camminiamo lentamente, per quelle che una volta sono state le vie di Solnechniy, Serghei ci racconta la sua esperienza di liquidatore: il suo compito era di allontanare per primi i bambini e poi le famiglie, informandole dell'accaduto, ma con la promessa che sarebbe potuti, presto, rientrare nelle loro abitazioni, nel loro villaggio.
Le raccomandazioni fatte in precedenza ai miei compagni di viaggio: "Cerchiamo di camminare sull'asfalto evitando campi e terreno erboso", si sono rese inutili, quello che è rimasto delle strade è stato inghiottito da alberi, rovi, siepi, erba e gli alberi crescono perfino sulle terrazze, sui tetti, facendosi largo tra pavimenti e tegole...
Ora ognuno prende strade diverse, chi entra in quello che una volta era l'Ospedale, chi entra nella Scuola, chi nelle abitazioni, con morbosità cerchiamo qualcosa che ci possa fare tornare a prima di quel 26 aprile del 1986, un oggetto che possa farci ripercorrere un salto all'indietro, una sorta di macchina del tempo... chiudi gli occhi e puoi sentire le voci degli infermieri e dei medici, la voce suadente delle insegnati, poi la campanella e le urla festose dei bambini e delle bambine che corrono nel cortile della scuola, mentre una signora anziana passa a fianco della scuola e sorride...
Poi di nuovo il silenzio: Chernobyl, il crollo dell'Impero Sovietico e intorno a noi di nuovo abbandono e rovine, nessun oggetto, nulla... quello che non è stato distrutto dal tempo è stato trasportato al di fuori della zona morta, così oggetti contaminati sono oggi, chissà, nelle case di Braghin, di Gomel, di Minsk o in altre città o villaggi della Bielorussia... quasi a significare che ogni cittadino bielorusso deve condividere, da buon fratello, il peso di questo fardello. Usciamo, qualcuno urla: "Guarda là!", "Una lepre". Fugge, fugge e pare domandarsi chi siano questi essere strani, mai visti: sì, perché qui la fine del mondo, almeno quella umana, è già arrivata!

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa sulla Privacy per il Sito Web (art. 13 D.lgs. 196/03)

Circolo Festambiente, titolare del sito solidarietalegambiente.it, non vuole in alcun modo contribuire al dilagante fenomeno dello spamming su Internet.
A tal fine La informiamo che i Suoi dati non verranno in nessun caso diffusi in rete o ceduti a terzi, fatti salvi eventuali obblighi di legge e necessità tecniche legate all’erogazione del servizio.
Il titolare del trattamento è il legale rappresentante di Circolo Festambiente. Il trattamento sarà realizzato con l’ausilio di strumenti informatici da parte del Titolare e degli operatori da questo incaricati.
Il trattamento è finalizzato all’erogazione dei servizi richiesti, all'elaborazione di statistiche sull’uso dei servizi stessi e all'invio di informazioni promozionali (ove questo sia stato specificamente autorizzato), sia in formato digitale che cartaceo.

In qualsiasi momento sarà possibile richiedere gratuitamente la verifica, la cancellazione, la modifica dei propri dati, o ricevere l’elenco degli incaricati del trattamento, scrivendo una mail a sito@festambiente.it.

Oltre a uniformarci a tutti gli obblighi previsti dal D.lgs. 196/2003, garantiamo inoltre la massima attenzione alla protezione dei dati da accessi fraudolenti ed alla cancellazione immediata dalle nostre liste a seguito di una Sua richiesta in tal senso.

Informativa estesa sui Cookie

I Cookie sono costituiti da porzioni di codice installate all’interno del browser che assistono il Titolare nell’erogazione del servizio in base alle finalità descritte. Alcune delle finalità di installazione dei Cookie potrebbero, inoltre, necessitare del consenso dell’Utente.

Cookie tecnici e di statistica aggregata

  • Attività strettamente necessarie al funzionamento

Questo sito utilizza Cookie per salvare la sessione dell’utente e per svolgere altre attività strettamente necessarie al funzionamento dello stesso, ad esempio in relazione alla distribuzione del traffico.

  • Attività di salvataggio delle preferenze, ottimizzazione e statistica

Questo sito utilizza Cookie per salvare le preferenze di navigazione ed ottimizzare la tua esperienza di navigazione. Fra questi Cookie rientrano, ad esempio, quelli per impostare la lingua e la valuta o per la gestione di statistiche da parte del titolare del sito.

Altre tipologie di Cookie o strumenti terzi che potrebbero farne utilizzo

Alcuni dei servizi elencati di seguito raccolgono statistiche in forma aggregata e potrebbero non richiedere il consenso dell’Utente o potrebbero essere gestiti direttamente dal titolare – a seconda di quanto descritto – senza l’ausilio di terzi.

  • Interazione con social network e piattaforme esterne

Questi servizi permettono di effettuare interazioni con i social network, o con altre piattaforme esterne, direttamente dalle pagine di questa Applicazione.
Le interazioni e le informazioni acquisite da questa Applicazione sono in ogni caso soggette alle impostazioni privacy dell’Utente relative ad ogni social network.
Nel caso in cui sia installato un servizio di interazione con i social network, è possibile che, anche nel caso gli Utenti non utilizzino il servizio, lo stesso raccolga dati di traffico relativi alle pagine in cui è installato.

Pulsante Mi Piace e widget sociali di Facebook (Facebook, Inc.)

Il pulsante “Mi Piace” e i widget sociali di Facebook sono servizi di interazione con il social network Facebook, forniti da Facebook, Inc.

Dati personali raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.

Luogo del trattamento : USA – Privacy Policy

Pulsante Tweet e widget sociali di Twitter (Twitter, Inc.)

Il pulsante Tweet e i widget sociali di Twitter sono servizi di interazione con il social network Twitter, forniti da Twitter, Inc.

Dati personali raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.

Luogo del trattamento : USA – Privacy Policy

Pulsante +1 e widget sociali di Google+ (Google Inc.)

Il pulsante +1 e i widget sociali di Google+ sono servizi di interazione con il social network Google+, forniti da Google Inc.

Dati personali raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.

Luogo del trattamento : USA – Privacy Policy

  • Statistica

Come posso gestire i Cookie all’interno del mio browser?

In aggiunta a quanto indicato in questo documento, l’Utente può gestire le preferenze relative ai Cookie direttamente all’interno del proprio browser ed impedire – ad esempio – che terze parti possano installarne. Tramite le preferenze del browser è inoltre possibile eliminare i Cookie installati in passato, incluso il Cookie in cui venga eventualmente salvato il consenso all’installazione di Cookie da parte di questo sito. È importante notare che disabilitando tutti i Cookie, il funzionamento di questo sito potrebbe essere compromesso. Puoi trovare informazioni su come gestire i Cookie nel tuo browser ai seguenti indirizzi: Google Chrome,Mozilla FirefoxApple Safari and Microsoft Windows Explorer.

Titolare del Trattamento dei Dati

Dal momento che l’installazione di Cookie e di altri sistemi di tracciamento operata da terze parti tramite i servizi utilizzati all’interno di questa Applicazione non può essere tecnicamente controllata dal Titolare, ogni riferimento specifico a Cookie e sistemi di tracciamento installati da terze parti è da considerarsi indicativo. Per ottenere informazioni complete, consulta la privacy policy degli eventuali servizi terzi elencati in questo documento.

Vista l’oggettiva complessità legata all’identificazione delle tecnologie basate sui Cookie ed alla loro integrazione molto stretta con il funzionamento del web, l’Utente è invitato a contattare il Titolare qualora volesse ricevere qualunque approfondimento relativo all’utilizzo dei Cookie stessi e ad eventuali utilizzi degli stessi – ad esempio ad opera di terzi – effettuati tramite questo sito.